Casa vacanze sostenibile: cosa valutare?

Scritto da Redazione

Categorie: Consigli di viaggio

Condividi su:

Parlando di viaggi sostenibili, ci riferiamo a un modo di esplorare il mondo che mette al primo posto il rispetto per l’ambiente e le culture locali. Non si tratta solo di divertirsi e passare del tempo piacevole, ma anche di fare la nostra parte per proteggere il pianeta e sostenere le comunità che visitiamo. 

Quando si sceglie di viaggiare secondo i principi della sostenibilità, quindi, scegliamo con attenzione dove andare, come spostarci e dove soggiornare per assicurarci che il nostro impatto sia positivo a 360 gradi: è un modo di visitare i luoghi che fa bene al mondo, mentre ci si regala esperienze indimenticabili. 

In questo articolo in particolare, si vedrà come orientarsi nella scelta di una casa vancanze per periodi medio-lunghi che rispetti i principi del turismo sostenibile.

Come capire se la casa da affittare è sostenibile? 

Affrontare il tema della scelta dell’alloggio in ottica di viaggio responsabile e sostenibile porta ad esaminare alcuni criteri ambientali fondamentali che influenzano l’impatto complessivo del soggiorno, soprattutto quando si prevede di soggiornare in un posto per un mese o più nel periodo estivo. In primo luogo, l’utilizzo di energie rinnovabili può essere un grande punto a favore quando si sta cercando una sistemazione che abbia minor impatto sull’ambiente.

In questo senso, altrettanto importante è valutare l’efficienza energetica della sistemazione, un dato che può sembrare assurdo, ma molti siti e app di prenotazioni ormai danno peso al tema sostenibilità e aggiungono questo dettaglio nella descrizione dell’alloggio, in particolar modo quelli che accettano prenotazioni per un mese o più. 

In caso contrario, si possono sempre richiedere informazioni al riguardo chiedendo, ad esempio, la classe energetica degli elettrodomestici più energivori. Per farsi un’idea sul perché può essere importante saperlo, si può approfondire quanto consuma una lavatrice attraverso alcune risorse online che spiegano in modo chiaro e semplice cosa influenza il maggiore dispendio di energia per questo elettrodomestico in particolare.

Oltre ai criteri ambientali, occorre valutare l’impatto sociale e culturale dell’alloggio sulle comunità locali e sull’ambiente circostante. Optare per strutture che rispettino e preservino le tradizioni dei luoghi contribuisce alla valorizzazione della cultura locale e alla conservazione del patrimonio storico. In poche parole, è bene evitare case o comprensori nati solo per lo sviluppo di un turismo di massa, che snatura l’identità dei posti e non prevede un’integrazione con i reali abitanti del territorio.

In egual misura, evitare soluzioni invasive per la paesaggistica dell’ambiente, come grandi complessi in aree naturali sensibili, è essenziale per garantire il rispetto e la protezione del territorio visitato. In sintesi, la scelta dell’alloggio durante un viaggio non riguarda solo il comfort dell’ospite, ma anche l’impatto positivo che può avere sulle comunità locali e sull’ambiente circostante.

Altri alloggi sostenibili: una breve panoramica

Capiti i concetti di base per la scelta di una casa in linea con i principi del turismo sostenibile, quali possono essere altre sistemazioni rispettose per le proprie vacanze? Ecco di seguito una descrizione concisa delle tipologie che può aiutare nella valutazione.

  • Eco-lodge e alberghi green: ideali per coloro che desiderano unire il comfort del soggiorno ad un’impronta ecologica ridotta. Queste strutture si distinguono per l’uso di materiali sostenibili, come legno riciclato o bambù, e per l’adozione di pratiche di gestione ambientale, come il riciclo e l’utilizzo di energie rinnovabili.
  • Agriturismi e fattorie sostenibili: offrono un’esperienza autentica e in contatto con la natura, permettendo agli ospiti di immergersi nella vita rurale e di partecipare attivamente alle attività agricole. Queste strutture si distinguono per la produzione di cibo biologico e per l’adozione di pratiche agricole sostenibili, come l’agricoltura biodinamica e il compostaggio.
  • Ostelli a basso impatto ambientale: basso impatto ambientale, sono soluzioni economiche per chi comunque non vuole rinunciare a viaggiare responsabile. Queste sistemazioni si distinguono per la gestione consapevole delle risorse, come il risparmio idrico e l’illuminazione a basso consumo energetico, e per la promozione della condivisione degli spazi e delle risorse tra gli ospiti.

Foto di copertina: Taras Makarenko su Pexels

Lascia il primo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altri articoli che potrebbero interessarti

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.