You’ve got a mail

Scritto da Serena Puosi

Categorie: Erasmus

Condividi su:

A Lisbona piove, sono in camera e guardo Rua dos Douradores dalla finestra piena di gocce. Tornata a casa dall’università ogni giorno leggo la posta. Stavolta c’è una sorpresa, non solo leggo le e-mail ma anche una lettera dall’Italia. Che emozione ricevere una lettera di carta, non ci sono più abituata. Poi leggo, leggo e piango di gioia. Mani di lacrime e mascara, dove ho messo i fazzoletti? spero che nessuno disturbi la lettura. Pausa. Non riesco a leggerla tutta d’un fiato, aspetto qualche secondo. Penso ad altro. Non ci riesco. Ricomincio a leggere. Capire di essere importante, di essere amata, di essere apprezzata per come sono, non per come sembro essere. Rileggere di nuovo da capo e ripiangere dalla prima frase, fiera e felice. “Ognuno ha diritto a volare dove vuole, come vuole e quando vuole”.

2 commenti

  • mi è scesa una lacrimuccia… anzi due… facciamo tre… mi manchi Sere.

  • Vai a cagare, già è difficile sopportare la lontananza da te anche se si fa li spavaldi… se poi scrivi queste cose…. mi si scioglie il trucco anche a me!!!!
    Papi

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altri articoli che potrebbero interessarti

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.

Lisboa… outra vez!

Con estrema gioia si avvicina la rimpatriata a Lisbona con i mitici amici conosciuti in Erasmus: 4 giorni scarsi di saudade e…

Due anni fa – ricordi Erasmus

Stavo facendo tutt'altro quando, all'improvviso, mi è balenato il pensiero che esattamente due anni fa sono partita per Lisbona. Inutile dire quanto…

Rimpatriata Erasmus

Nella lista di persone che possono confermare l'esistenza fisica di Massarosa si è aggiunta da venerdì scorso Marta, colei che da Sassari…