USA

New York City in 7 giorni: il nostro itinerario di viaggio

L’ultima tappa del pomeriggio a Manhattan ci ha portati a Tribeca, dove abbiamo fatto un salto al quartier generale dei Ghostbusters. Dopo esserci ripresi un po’ in hotel abbiamo fatto una passeggiata al Gantry Plaza State Park a Long Island con delle belle viste su Manhattan e la scritta gigante Pepsi Cola.Sono tornata a New York dopo 11 anni e quello che sto per raccontarvi è l’itinerario di viaggio di 7 giorni con il mio compagno e le nostre bambine di 3 e 6 anni. La mia prima volta a New York è stata con i miei genitori e mia sorella per festeggiare la mia laurea; tornarci con le mie figlie è stato come chiudere un cerchio. Ho trovato una città cambiata, con tantissime cose nuove da vedere e sempre viva e vibrante come la ricordavo.

Abbiamo rimandato questo viaggio due anni a causa della pandemia e avevamo un voucher aereo che continuava ad attenderci sconsolato. Non appena si sono allentate le restrizioni abbiamo deciso di partire, anche se alcune procedure legate al covid sono macchinose e poco chiare, cosa che ha comportato diversi dubbi in partenza.

Non nascondo che non è stato facile prendere la decisione di partire, sia perché dopo due anni di stop ai viaggi intercontinentali ci siamo disabituati e non si parte più a cuor leggero, sia perché la compilazione dei documenti, la comprensione dei fogli necessari, la complicata situazione europea e non ultimo il tampone per tutta la famiglia avrebbero potuto farci desistere.

Dopo lunghe elucubrazioni e patemi d’animo abbiamo deciso di partire comunque e col senno di poi posso dire che ha fatto bene alla nostra mente e al nostro cuore. Uscire dalla quotidianità e dall’Europa, dalle notizie e dal tran tran quotidiano è stato ossigeno per il cervello. È stata una scintilla di ritrovata ispirazione e creatività e la certezza (o forse illusione?) di una ritrovata normalità.

In questo post ho raccolto tutte le informazioni tecniche per aiutarvi a organizzare un viaggio simile. Per qualsiasi domanda vi aspetto nei commenti.

Informazioni generali sul viaggio

Giorni di viaggio: 7+1 di viaggio (dal 12 aprile 2022 al 20 aprile 2022).
Posti visti: New York City
Chilometri percorsi al giorno: circa 10 km a piedi + spostamenti in metropolitana
Persone: Quattro: io, il mio compagno, le nostre bimbe di 6 anni una e 3 l’altra.
Mezzi utilizzati:

  • volo British Airways da Pisa a Londra e poi da Londra a Newark (New Jersey)
  • Treno Newark Airport Express
  • Metropolitana (abbonamento settimanale, ne parlo sotto)
  • volo British Airways (operato da American Airlines) da New York (aeroporto John Fitzgerald Kennedy International) a Londra Heathrow e poi a Pisa

Mappa

mappa NYC

Per visualizzare i punti su Google Maps cliccate qui.

Cosa sapere prima di partire

Documenti necessari al tempo del Covid

Il sito a cui fare riferimento per conoscere le normative per entrare in un paese provenendo dall’Italia è sempre Viaggiare Sicuri, qui il link di Viaggiare Sicuri per l’ingresso negli Stati Uniti e compilare questo questionario.

A noi (aprile 2022) per entrare negli Stati Uniti è stato richiesto:

  • certificazione digitale Covid UE (bisogna essere “fully vaccinated” ossia avere due dosi dei vaccini riconosciuti – leggetevi tutta la normativa con le eccezioni e per chi ha contratto il covid – e vi consiglio di stampare il green pass dal vostro fascicolo sanitario online dove c’è già la traduzione inglese dei vaccini fatti);
  • tampone antigenico negativo fatto nelle 24 ore precedenti all’inizio del viaggio;
  • ESTA (dal sito ufficiale che vi linko, costa 14$ a testa);
  • assicurazione di viaggio (noi abbiamo la Columbus multiviaggio annuale valida per tutto il mondo).

Tessere, biglietti e abbonamenti

Per risparmiare sugli spostamenti e sulle attrazioni è necessario fare un piano delle cose che si vorrebbero vedere e calcolare quali sono i biglietti cumulativi più convenienti.

Per quanto riguarda gli spostamenti sui mezzi pubblici, noi abbiamo optato per l’abbonamento settimanale della metro a 34$ a testa, mentre i bambini sotto i 6 anni non pagano. Il singolo biglietto costa 3$, l’abbonamento può essere usato senza limiti tutte le volte che serve.

Biglietti per le attrazioni

Le opzioni per i biglietti cumulativi per le attrazioni, invece, sono:

  • New York City Pass → include cinque attrazioni (i bambini fino a 6 anni non pagano la tessera):
    • Empire State Building
    • Museo Americano di Scienze Naturali
    • Biglietto a scelta per il Top of the Rock o il Museo Guggenheim
    • Biglietto a scelta per il traghetto per la Statua della Libertà ed Ellis Island o i battelli turistici Circle Line Sightseeing
    • Biglietto a scelta per il 9/11 Memorial Museum e l’Intrepid Sea-Air-Space Museo

 

  • The New York Pass® → consente l’accesso a oltre 80 attrazioni di New York, la validità della tessera inizia nel momento in cui si usa per la prima volta. Dal suo primo uso, potrete utilizzare la tessera per il numero di giorni scelto. I bambini da 4 a 12 anni hanno un prezzo ridotto. Queste sono le attrazioni più famose incluse nella tessera:
    • Belvedere del Empire State.
    • Top of the Rock, nel Rockefeller Center.
    • One World Observatory.
    • Museum of Modern Art (MoMA).
    • Madame Tussauds.
    • Giro in barca al tramonto a Manhattan.
    • Biglietto per il Museo dell’11-S.
    • Noleggio di bicicletta a Central Park.
    • Museo Guggenheim.

 

  • Go City: New York Explorer Pass → permette di entrare in 2, 3, 4, 5, 6, 7 o 10 attrazioni della Grande Mela. In fase di prenotazione, dovrete scegliere il numero di attrazioni incluse nella tessera: 2, 3, 4, 5, 6, 7 o 10, non decidere in anticipo quali luoghi visitare. Arrivati a New York potrete scegliere dove entrare, in base alle necessità del momento. Dai 3 ai 12 anni i prezzi sono ridotti.

 

Nel nostro caso abbiamo scelto il New York City Pass perché era il giusto mix tra prezzo (più economico degli altri pass per 7 giorni) e cose che volevamo vedere e che pensavamo di riuscire a fare con le bimbe senza caricarle troppo di attività.

Alloggio

Per l’alloggio (e in realtà anche per l’aiuto con i voli, le regole vigenti e un sacco di consigli) devo ringraziare la sempre fantastica Paola, amica e consulente di viaggio per la sua “Viaggi di Nozze Low Cost”  Se prima di intraprendere l’organizzazione di un viaggio vi sentiti persi, lei è la persona giusta da ingaggiare per aiutarvi a organizzare.

Dopo infruttuose ricerche e hotel a prezzi spropositati a Manhattan (preparatevi a mettere mano al portafoglio a New York, anche se in questo post provo a darvi qualche consiglio per risparmiare) Paola ci ha trovato l’hotel Wingate by Wyndham a Long Island City. Si tratta di un hotel nuovo e con colazione inclusa (un miraggio da quelle parti) che distava 19 minuti di metropolitana da Times Square. Si trova a Long Island, nel Queens, praticamente dall’altra parte dell’East River rispetto a Manhattan e la fermata di riferimento è 21st – Queensbridge.

La camera per gli standard newyorkesi era grande, con due letti matrimoniali alla francese e bagno con doccia grande. La vera sorpresa è stata la vista dalla camera all’11esimo piano: una veduta spettacolare su Manhattan e sul Queensbridge, il ponte che collega il quartiere al centro nevralgico di New York.

Ve lo consiglio con riserva, ossia se non vi scoccia percorrere ogni giorno dei tragitti in metropolitana e se non vi infastidisce stare in un quartiere a prevalenza nera e ispanica di case popolari. Noi non abbiamo avuto problemi di alcun tipo, ma la sensibilità di ognuno cambia e potreste essere infastiditi dal perenne odore di marijuana nell’aria nelle strade circostanti e da qualche rifiuto di troppo per le strade. Per quanto mi riguarda rifarei mille volte questa scelta, che ci ha permesso di pagare 1/3 di quanto avremmo speso nella più gettonata Manhattan.

Itinerario di viaggio di 7 giorni a New York

La prima premessa che mi sento di farvi è di non essere troppo fissati con un programma serrato, specialmente se viaggiate con i bambini. Noi avevamo una vaga idea di quello che avremmo voluto fare e poi abbiamo adattato il programma a meteo, stanchezza e distanze giornaliere.

Di seguito, ecco come abbiamo suddiviso il nostro viaggio giorno per giorno.

1° giorno (12 aprile): arrivo a New York in tarda serata.
2° giorno (13 aprile): zona del World Trade Center, Wall Street, zona di Stone Street, Chinatown, Little Italy, Tribeca, Gantry Plaza State Park.
3° giorno (14 aprile): Central Park, Museo di Storia Naturale, 5th Av. E Times Square.
4° giorno (15 aprile): Lower East Side, Ukranian Village, Washington Square Park, West Village, Greenwich Village, Empire State Building.
5° giorno (16 aprile): Brooklyn Bridge, DUMBO, Brooklyn Fulton Ferry, Brooklyn Heights, Coney Island, Brighton Beach.
6° giorno (17 aprile): Statua della Libertà ed Ellis Island Museum, the Battery, High Line, the Vessel.
7° giorno (18 aprile): Rockefeller Center, Bryant Park, Grand Central Station, Flatiron Building, Union Square.
8° giorno (19 aprile): Funicolare per Roosevelt Island e giro dell’isola, ritorno a casa con partenza nel tardo pomeriggio (col fuso orario siamo arrivati il 20 aprile)

volo British Airways

Il viaggio con tutte le tappe giorno per giorno

1° giorno

Il primo giorno è stato tutto di spostamenti: avevamo un volo da Pisa con scalo a Londra e abbiamo deciso di non prendere un taxi una volta arrivati a Newark ma di servirci dei mezzi pubblici. Questo ha rallentato l’arrivo in hotel ma ci ha permesso di risparmiare moltissimo.

2° giorno

Il nostro viaggio a New York è iniziato a Lower Manhattan, nella zona del World Trade Center (ex Ground Zero) perché ho sentito l’esigenza di vedere come era rinata questa zona completamente ricostruita in seguito al crollo delle Torri Gemelle. Durante il mio primo viaggio risalente al 2011 questa zona era un cantiere a cielo aperto e il silenzio assordante che avevo sentito mi sibila ancora nelle orecchie. Ho trovato una zona completamente rimessa in sesto, con una grande concentrazione di attrazioni da vedere: qui si trovano tra le altre cose il 9/11 Museum e il Memorial, l’Oculus e la Freedom Tower.

Poi ci siamo spostati nel Financial District per vedere le zone di Wall Street e delle vie storiche lastricate di pietre di Stone Street. Per pranzo ci siamo diretti a Chinatown e abbiamo mangiato cinese in uno dei tanti ristoranti presenti. Di Little Italy rimane poco ormai, ma abbiamo comunque fatto due passi nella zona di Mulberry Street.

L’ultima tappa del pomeriggio a Manhattan ci ha portati a Tribeca, dove abbiamo fatto un salto al quartier generale dei Ghostbusters. Dopo esserci ripresi un po’ in hotel abbiamo fatto una passeggiata al Gantry Plaza State Park a Long Island con delle belle viste su Manhattan e la scritta gigante Pepsi Cola.

3° giorno

La prima meta della mattinata era il Museo di Storia Naturale, ma visto che siamo arrivati in anticipo abbiamo fatto una bella passeggiata a Central Park di mattina. Dopo la visita al museo (che potrebbe tranquillamente durare una giornata intera vista la quantità di cose interessanti che ci sono) siamo tornati a Central Park dopo un pranzo nei dintorni. Infine, dopo esserci goduti Central Park coi ciliegi in fiore e dopo una bella passeggiata, abbiamo percorso la 5th Avenue fino ad arrivare nel caos di Times Square.

4° giorno

La mattinata è cominciata con la prenotazione in loco dei biglietti per l’Empire State Building, poi con un giro nel Lower East Side con tappa culinaria al famoso Katz Delicatessen e proseguita nell’Ukranian Village fino a Tompkins Square Park. Ci siamo poi diretti al Washington Square Park dove ci siamo fermati a osservate il caos festante dei musicisti di strada e passeggiata nel West Village e nel Greenwich Village, dove volevo fare un pellegrinaggio alla casa di Carrie Bradshow in Perry St. n. 66, mia personale eroina di Sex and the City.

Infine, salita sull’Empire State Building con splendide vedute di New York dall’alto.

Empire State Building

5° giorno

Questo è il giorno dedicato alla zona di Brooklyn. Siamo partiti dalla camminata sul Brooklyn Bridge e ci siamo diretti subito a DUMBO per le foto di rito. Poi ci siamo spostati nella zona di Brooklyn Fulton Ferry e passeggiato tra i due ponti, infine dopo un pranzo al Time Out New York siamo saliti a Brooklyn Heights e preso la metro per Coney Island, dove ci siamo divertiti con le attrazioni del parco giochi e abbiamo passeggiato su Brighton Beach.

6° giorno

Avevamo prenotato per questa mattinata la visita alla Statua della Libertà ed Ellis Island. Siamo partiti da Battery Park (dove ci siamo fermati di nuovo nel pomeriggio per uno splendido parco giochi) e visitato prima Liberty Island con la Statua della Libertà e poi Ellis Island con lo splendido e importante Museo dell’Immigrazione.

Dopo un brunch di Pasqua alla Fraunces Tavern  in Pearl St. ci siamo diretti con la metro nei pressi della High Line per percorrerne un bel pezzo fino al grattacielo chiamato the Vessel.

7° giorno

Nel New York City Pass è incluso anche la salita sul Rockefeller Center, che abbiamo sfruttato subito appena apriva di mattina (dopo si possono fermare lunghe code e salire al tramonto ha un biglietto a prezzo maggiorato). Dopo aver goduto di quella che a mio avviso è una delle viste più belle di New York ci siamo diretti a Bryant Park e poi alla Grand Central Station. Infine, tappa al Flatiron Building e alla vicina Union Square. La giornata si è conclusa con una visita al negozio di Harry Potter di NYC (calcolate 1h di fila) per far contenta la Potterhead di famiglia.

8° giorno

Per sfruttare la mezza giornata prima del volo di rientro abbiamo deciso di prendere la funicolare per Roosevelt Island e di fare un giro dell’isola. Dopo ritorno a casa con partenza nel tardo pomeriggio da un aeroporto diverso da quello dell’andata, stavolta dal John Fitzgerald Kennedy International. Siamo arrivati a casa il 20 aprile in tarda mattinata.

Siamo giunti alla fine di questo viaggio: se avete domande, curiosità o se semplicemente avete trovato utile questo post scrivetemi un commento, lo apprezzerei moltissimo!

Disclaimer

All’interno del post trovate link a siti affiliati per la prenotazione degli alloggi e dei tour. Significa che se cliccate sul link e prenotate sul sito, io ricevo una piccola percentuale sull’acquisto anche se voi non avrete nessun costo aggiuntivo. Utilizzando questi link aiuterete a supportare il mio blog e tutto il lavoro di cui usufruite gratuitamente. Grazie!

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.